Share, , Google Plus, Pinterest,

Print

Posted in:

Un nuovo direttore per la Scuola di Musica “Banchieri”

C’è una nuova guida alla Scuola di Musica “Adriano Banchieri”. Il neo direttore è in realtà una vecchia conoscenza perché da 5 anni fa parte del corpo docente. Il nuovo corso dell’antica e gloriosa scuola è stato affidato a Nicola Rosso, 29 anni di Modena, pianista (diplomato al Conservatorio di Trieste) che alla Banchieri si è occupato negli ultimi 5 anni di insegnare agli alunni “Armonia e composizioni”, e “Musica d’insieme moderna”.
Fra le tante specializzazioni, il neo direttore vanta un diploma di secondo livello di musica applicata al Conservatorio di Ferrara, e recentemente si è occupato dei testi e delle musiche originali dello spettacolo teatrale “Vajont. Sono ancora tutti lì”.
Oltre alla Banchieri, Rosso insegna “Ear training – lettura ritmico melodico e teoria musicale” all’istituto musicale di Modena dove “allena” l’orecchio dei giovani a riconoscere ascoltando una melodia cosa fanno i vari strumenti.
La creatività è la parola d’ordine di Nicola Rosso: “Ho sempre cercato in tutti i miei incarichi di essere intraprendente e di realizzare nuove idee. Ai saggi della Banchieri, ad esempio, i ragazzi attualmente portano i loro componimenti perché credo sia importante liberare la loro creatività. Penso che la nostra Scuola in futuro dovrà diventare un luogo in grado di dare servizi culturali ulteriori a tutta la collettività. La Banchieri dovrà sviluppare la capacità di creare eventi culturali”. Fra le novità il corso “low cost”: “In accordo con l’Amministrazione, abbiamo ideato un nuovo corso propedeutico meno costoso per andare incontro alle esigenze delle famiglie alla luce del momento economico difficile per tutti. Il pacchetto che comprende “Strumento, Teoria, Solfeggio e Musica Insieme” sarà, quindi, previsto anche con un orario ridotto che però manterrà le sue componenti formative. Non è solo per abbassare i costi ma anche perché tante ore di teoria soprattutto all’inizio del percorso musicale di un giovane lo possono scoraggiare o sovraccaricare”.